Il colpo di frusta cervicale, oltre ad essere un fastidiosissimo malanno per chi ne soffre, è anche, per le assicurazioni, un fastidiosissimo danno da risarcire.

Che nei tempi andati sia accaduto di qualcuno che ne ha approfittato ci sta, ma cercare scuse per non risarcirlo più a nessuno, o risarcirlo con pochi spiccioli come da diversi anni le assicurazioni stanno facendo, non mi sembra del tutto corretto.

Vi racconto la storia del signor B.M. cui l’assicurazione aveva negato il risarcimento del colpo di frusta perché non era stato strumentalmente dimostrato. Il signor B.M. citò l’assicurazione in giudizio.

Perse la causa, ma non demorse, si appellò, e … perse anche in appello.

Molti a questo punto si sarebbero arresi, ma non il signor B.M. che ha fatto ricorso in Cassazione ottenendo una vittoria che non vale solo per lui, ma da oggi tutti i danneggiati da colpo di frusta hanno uno strumento in più per ottenere il risarcimento dei danni da colpo di frusta.

La terza sezione civile della corte suprema ha stabilito, con la sentenza numero 31072 del 28 novembre 2019, che va escluso che i postumi di lieve entità restino senza risarcimento perché non sono dimostrati con esami strumentali.

Tali postumi vanno accertati con i criteri della medicina legale, che da sempre comprendono l’esame visivo e clinico oltre che la diagnostica per immagini.

Per i giudici di legittimità il danno permanente alla salute può sussistere anche quando ricorrono indizi gravi, precisi e concordanti sulla lesione e relativa genesi.

Ciò che conta infatti è che le lesioni siano vere e dovute al sinistro.

Mi sento in dovere di ringraziare il signor B.M. per la sua tenacia, e di ringraziare coloro che condivideranno il post per farlo sapere a tutti.

Summary
Colpo di frusta cervicale, autorevole novità
Article Name
Colpo di frusta cervicale, autorevole novità
Description
Colpo di frusta cervicale, autorevole novità
Author
Publisher Name
Studio Bosco Vigevano
Publisher Logo

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi