È una polizza utilissima, serve soprattutto quando l’assicurato ha torto, ed il sinistro è grave.

Può accadere infatti che guidando un’automobile si possa restare coinvolti in un incidente mortale, o con lesioni gravissime.

In questo caso scatta un procedimento penale i cui costi non vengono coperti dalla polizza di responsabilità civile, perché i procedimenti civile e penale sono due cose diverse.

Bisognerà attivare un avvocato di propria fiducia, perché quello nominato dall’assicurazione sarà tenuto a tutelare gli interessi dell’assicurazione, che sono un’altra cosa rispetto a quelli dell’imputato.

Potrà essere necessario che un proprio ingegnere, o perito cinematico, studi ed analizzi la situazione, mettendo in risalto, e discutendo con i colleghi incaricati dal tribunale, o dalle parti in causa, tutti i particolari che possono scagionare l’imputato.

Questa polizza è utile anche quando si ha ragione perché le ragioni sono sempre da dimostrare per ottenere il risarcimento dei danni.

Nel caso ci siano danni fisici si può attivare questa polizza per pagare il medico legale di parte, ed avere da lui una relazione da confrontare con quella del medico legale dell’assicurazione perché la medicina legale non è una scienza esatta e, spesso, esiste un margine di valutazione un pò più alto, ed uno un pò più basso.

È umano che chi deve pagare tenda verso il basso mentre chi deve essere pagato tenda verso il più alto.

Si pensi pure che le cause si possono perdere, quindi si dovranno pagare anche le spese della controparte .

È ovvio che se la controparte fa troppa resistenza a pagare il risarcimento si può attivare questa polizza per intraprendere un’azione giudiziaria contro l’assicurazione avversaria.

Ma se l’assicurazione avversaria è la tua? Questa è una bella complicanza creata dall’applicazione dell’articolo 149 del Codice delle assicurazioni, inoltre è bene sapere che l’assicurazione, prima di autorizzare la nomina dell’avvocato e l’azione giudiziale, vuole sapere come stanno le cose e, se non è d’accordo, può negare l’attivazione. Esattamente come accade per tutti i sinistri.

È chiaro che, applicando l’articolo 149 del Codice delle assicurazioni nessuna compagnia autorizzerà azioni giudiziali contro se stessa, ed a proprie spese.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi